"Raccontami il tuo mondo" - Acrilico su tela 100x70 cm di Fre3581

Premio Guglielmo II

Primo Premio 3.000,00€ + Pubblicazione a pagina intera su ART NOW.

con Angelo Crespi, Edoardo S. Labini, Sandro Serradifalco e Vittorio Sgarbi

Monreale 12/18 Settembre 2020

SCOPRI DI PIÙ

Il coefficiente di un artista, come valutarlo

FacebooktwitterFacebooktwitter

Il coefficiente di un artista è uno strumento indispensabile per la corretta valutazione di un’opera d’arte. Viene rilasciato, con certificazione ufficiale dalle gallerie d’arte e ti permette di ottenere un riconoscimento tangibile alla tua arte da parte di critici, galleristi, curatori e operatori d’arte in genere.

Spesso capita di non sapere dare un valore economico ad un’opera d’arte ma è possibile calcolarlo utilizzando il coefficiente di un artista.

Dal punto di vista dell’artista è logico pensare che il proprio lavoro possa valere molto più di quello che sia il reale valore di mercato. 

Il coefficiente d'autore

Pink planet” acrilico su tela 50×40 cm di asdhe. Quadro in esposizione su Pitturiamo

D’altro canto, per chi vuole acquistare un opera, è difficile pensare come si possano spendere migliaia di euro per un quadro, ‘svalutando’ e ‘sminuendo’, a volte, il lavoro svolto dall’artista .

Per evitare ciò è bene sapere che l’opera d’arte viene valutata attraverso il valore del Coefficiente d’artista, che integra diverse variabili e criteri:

  • curriculum artistico;
  • premi ricevuti;
  • pubblicazioni in annuari e riviste d’arte;
  • presenza delle opere in gallerie nazionali ed internazionali;
  • acquisizioni pubbliche e museali;
  • recensioni e impressioni dei critici d’arte;
  • esposizioni in gallerie che hanno ospitato il pittore;
  • mostre personali e collettive.

Infine, vanno anche considerate le regole di mercato e i presupposti di crescita artistica.

Come calcolare il Coefficiente di un Artista

A questo punto ci domandiamo: chi attribuisce il coefficiente di un artista e come si può attribuire il giusto valore all’opera?

La valutazione avviene per mezzo di un certificato ufficiale nel quale viene definito il cosiddetto “Coefficiente d’ artista“. Si tratta di un valore numerico, che viene definito e concordato dal gallerista insieme all’artista. Il Coefficiente corrisponde al livello di notorietà e di qualità artistica dell’artista e lo attesta a livello nazionale.

Solitamente, il coefficiente di un artista emergente parte da 0,2-0,5 e può salire in base alla crescita tecnica ed artistica, e secondo i diversi criteri citati sopra.

Il coefficiente d'artista

Pesci rossi” Olio su tela 80×90 cm di Naty. Quadro in esposizione su Pitturiamo

La formula, che viene utilizzata per calcolare il prezzo delle opere d’arte a partire dalle sue dimensioni e dalla conoscenza del coefficiente di un artista, è la seguente:

P = (B + H) x C x 10

ovvero: [ Prezzo di vendita = (Base + Altezza) x Coefficiente x 10 ]

Esempio: un dipinto di dimensioni 100×80 cm, con Coefficiente 2:

(100 + 80) x 2 x 10 = 3.600€

In questo esempio, il prezzo di vendita sarà di 3.600€. Le misure sono espresse in centimetri.

Con il tempo il prezzo di vendita aumenterà sempre più o si attesterà ad un certo valore. Per questa ragione, l’acquisto di un’opera è vista come un investimento a lungo termine.

Ecco spiegato il motivo per cui è necessario ottenere il proprio coefficiente d’artista.

Vuoi ottenere il tuo Coefficiente d’artista?

Richiedilo adesso

PitturiAmo, il più grande network dedicato ai pittori contemporanei, opera su tutto il territorio nazionale in collaborazione con critici, curatori d’arte, galleristi e giornalisti, e fornisce diversi servizi per artisti e operatori d’arte.

Se lo desideri, puoi richiedere a PitturiAmo il tuo Coefficiente d’Artista e avviare la tua carriera artistica a livello professionale approfittando di un importante sconto iniziale.

Autore: Dott. Marcella Mondo

La Dott. Marcella Mondo è un'esperta di Web Marketing che coopera, da anni, con il Dott. Antonino Argentati. Da sempre appassionata di arte, oggi ricopre il ruolo di Capo Redattore di PitturiAmo. Da quando collabora con questo importante network dedicato alla promozione degli artisti, ha affinato il suo occhio critico verso l'estetica e la bellezza delle opere d'arte.

FacebooktwitterFacebooktwitter

8 Commenti

  1. Fatemi capire: se faccio un quadro di 80×40 e sono a inizio carriera partirò dal coefficiente 0.2 quindi il prezzo sarà (80+40)×0,2×10=240€ tolte le spese di cornice+tela 100€ pennelli pittura attrezzatura varia 70€. Un artista emergente alle prime opere guadagnerebbe 70 euro a quadro

    Rispondi
    • Beh, non è detto che il coefficiente di un artista emergente debba essere necessariamente così basso. Anche se l’artista non ha un buon curriculum, in quanto sta muovendo i primi passi, potrebbe avere comunque una buona tecnica e il critico/gallerista che rilascia il coefficiente potrebbe comunque affidare un valore maggiore. Del resto, se l’artista è alle prime armi tecnicamente e non ha un discreto curriculum è anche corretto che non guadagni chissà che dalla vendita di una eventuale opera.Oltretutto la cornice non rientra in questo contesto e quindi potrebbe escluderla dal calcolo e dal prezzo finale.

      Rispondi
  2. Mi sembra un’ottima occasione per chi è ai suoi inizi.

    Rispondi
  3. Per la prima volta ho capito in pieno come si valuta un quadro. Sapevo la formula ma in nessuna parte avevo trovato il valore iniziale di un coefficiente. Grazie

    Rispondi
    • A me risultava che si calcola base piu altezza x coefficente. L ultima parte x 10 nn sapevo….la valutazione da parte di pitturiamo e gratuita.

      Rispondi
      • Buongiorno, dipende dall’unità di misura che utilizza. Se utilizza i mm invece dei centimetri non sarà necessaria la moltiplicazione per 10. L’attribuzione del Coefficiente, se fatta seriamente e con criterio, è una procedura molto lunga e laboriosa che non può essere gratuita. Legga qui maggiori informazioni https://www.pitturiamo.eu/coefficiente-artista/

        Rispondi
    • non è esattamente così…un’opera ad olio non ha la quotazione di un acrilico, e via dicendo…e c’è da calcolare pure il supporto…
      Un olio su tela 50 x 70 coefficiente 5 = 50+70*5 = € 600
      Un acrilico su tela 50 x 70 coefficiente 5 = ???????
      E su cartone telato???
      E su carta???
      ……..

      Rispondi
      • Infatti viene attribuito un Coefficiente per ogni tecnica/supporto diverso. Non cambia molto se olio o acrilico, ma se “acquerello su carta” o “olio su tela”, ci sarà una differenza del coefficiente. Proprio per questo motivo è necessaria una valutazione da parte di un professionista, che sia in grado di individuare il coefficiente adatto per ogni artista e per ogni tecnica/supporto. E comunque il calcolo è errato: (50+70)=120*5*10=6.000€

        Rispondi

Inserisci un commento a questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.