"Riposo dal lavoro" di Vincent Van Gogh

Il Post-impressionismo

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Intorno al 1884 il gruppo degli Impressionisti cominciò a sfaldarsi e i singoli artisti, esaurito l’entusiasmo dell’avventura collettiva, proseguirono il loro percorso tentando separatamente esperienze diverse.

Cosa successe in Francia, e di riflesso in Europa, dopo il tramonto dell’era impressionista?

Nel periodo che intercorse dal 1880 e il 1905 si affermarono artisticamente alcune esperienze figurative che avevano come comun denominatore l’eredità assorbita dallo stile precedente e lo studio verso una nuova espressione della forma che superasse i concetti di luce e colore sostenuti dagli Impressionisti.

Tale ventennio prese il nome convenzionale di post-impressionismo il quale non fu quindi una corrente artistica ben definita bensì un tempo aperto alla ricerca omnidirezionale e ad un nuovo senso dell’arte.

Il termine venne introdotto nel 1910 dal critico inglese Roger Eliot Fry in occasione della mostra “Manet e i post-impressionisti” organizzata alla Grafton Gallery di Londra. Ma già prima di lui un altro storico dell’arte e critico tedesco, Jiulius Meier Graefe, aveva sostenuto la connessione tra il lavoro di Cézanne, Gauguin, Van Gogh e l’opera di Manet al di fuori della poetica impressionista e in contrapposizione con essa.

Il contenuto della mostra verteva sulla reazione all’Impressionismo e sulla crisi all’interno di esso. Punto di partenza fu proprio Edouard Manet, il quale vi aveva aderito soltanto temporaneamente definendo uno stile personale in cui lo spazio veniva reso per mezzo della contrapposizione tra neri e chiari a colori acidi, gli accostamenti non seguivano sempre le leggi della complementarità, e una grande attenzione era data alla composizione del quadro e alle figure umane. Fu presente all’evento con nove opere.

Ma il post-impressionismo non fu esclusivamente una prerogativa francese. Nel 1912 R.E.Fry organizzò una seconda mostra di artisti nella stessa sede della prima e presentò esempi di post-impressionismo in un’area geografica molto estesa. Alcuni di loro diverranno i maggiori rappresentanti delle avanguardie del secolo in atto. Dall’ Inghilterra: D.Grant, U.Bell, lo stesso Fry. Dalla Francia: P.Cezanne, Braque (Cubismo), Matisse (Fauvismo). Dalla Russia: N.K.Rolrich, M.Larionov, N.Goncarova. Dalla Spagna: Picasso (Cubismo).

Partendo da un ordine cronologico approssimativo, ecco una breve sintesi dei tratti più caratteristici delle tendenze pittoriche e degli artisti più originali, personalità isolate, che hanno contraddistinto il periodo in questione.

1884 – 1885
Pointillisme o Puntinismo (in Italia: Divisionismo)
Artisti di riferimento: Georges Seurat, Paul Signac

Il Puntinismo è anche chiamato neo-impressionismo. Alla base di questa corrente pittorica c’è il rifiuto dell’improvvisazione romantica degli impressionisti mentre sono ricercati i valori assoluti, che rimandano a Piero della Francesca, e un rinnovato classicismo, come si intravede nelle figure ieratiche dall’aspetto solenne. Esso si propone di ricreare le forme della realtà impiegando nel dipingere lo stesso processo seguito dall’occhio umano nel guardare: la scomposizione dell’oggetto in punti luminosi e separati che si ricompongono nella visione d’insieme in una unità concreta. Tecnicamente, i toni vengono divisi sulla tela in minuscole macchie di colori puri, accostate tra loro e che osservate a distanza ricompongono l’unità del tono.

Georges Seurat

Georges Seurat

Georges Seurat (Parigi 1859-1891) . Fu l’ideatore di questo modo di concepire l’arte e ne fu sostenitore profondamente scientifico. Fondò la sua teoria sulla base degli studi di ottica rilanciati dai positivisti e approfondì opere sull’analisi dei feno...
Paul Cezanne

Paul Cezanne

Paul Cezanne (1839 – 1906) . Fu una figura fondamentale nell’ambito del post-impressionismo . All’inizio della sua carriera pittorica, questo grande artista non mostrò molto interesse per il movimento degli impressionisti e i suoi quadri, di tradizi...
Paul Signac

Paul Signac

Paul Signac (Parigi 1863-1935) . Condusse, insieme al suo maestro Seurat , le ricerche che portarono all’elaborazione della teoria divisionista  ma col passare degli anni ridusse questa tecnica a un reticolo di tessere sempre più grandi e usò il colore...
Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh (1853-1890) fu uno dei più importanti artisti in assoluto di ogni tempo. Una tensione interiore, che poi lo condusse alla follia, lo spinse ad usare il colore come principale mezzo di espressione e, al di fuori di ogni suggestione n...
Hanry de Toulouse-Lautrec

Hanry de Toulouse-Lautrec

Hanry de Toulouse-Lautrec (1864 – 1901) . Fu ingegno vivace, indipendente, ribelle. Si avviò alla pittura per reagire alla crudeltà della sorte che fece di lui un essere deformato a causa di due disgraziate cadute. Operò nell’ambiente della Belle Epoque ...

Autore: Mario Salvo

Ho dedicato interamente la mia vita all'arte, fin dall'età di 12 anni, festeggiando nel 2016 i 50 anni di carriera artistica. Ho fondato l'associazione culturale ALETES Onlus e in qualità di Presidente e Docente e attraverso l'arte nelle scuole cerco di sostenere "diversamente abili" e le categorie socialmente deboli. Coinvolgendo organismi ed enti pubblici regionali, desidererei, assieme ad altri Maestri, ognuno nel suo specifico settore artistico, realizzare un’Accademia d’arte libera ovvero uno spazio nel quale poter gratuitamente insegnare, diffondendo, tra i tantissimi giovani e meno giovani che desiderino apprendere seriamente l’arte e le sue filosofie, i segreti di tecniche e professioni d’arte le quali, diversamente, andrebbero a beneficio di pochi eletti. Scopri di più su Mario Salvo

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Questo sito usa i cookies per fornirti un'esperienza migliore nella navigazione. Cliccando su "Accetto" acconsenti al loro uso. Se invece desideri negarne il consenso puoi consultare la nostra Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi