"Fluid Improvvisation" di Massimo Rubbi

Che cos’è un opera d’arte

FacebooktwitterFacebooktwitter

L’opera d’arte è qualsiasi prodotto, manufatto come dipinto, scultura, architettura nato dalla creatività, dalla abilità, dalla tecnica dell’uomo.

Impariamo a capire cosa è un’opera d’arte

Si divide in tre parti: soggetto, forma e contenuto.

Ma come si fa a capire, o decidere, quando un quadro o una scultura è un’opera d’arte?

Non esiste una risposta univoca. Ciò dipende da individuo ad individuo e da epoca ad epoca. Questo perché si discute se la ruota di bicicletta di Duchamp sia un’opera d’arte o meno oppure l’arte minimalista o le istallazioni dell’arte oggettuale. Si pensi inoltre al recupero di oggetti anche di scarto che assurgono ad opere d’arte.

Quindi si discute se queste forme sono da considerare arte o no.

L’opera d’arte oltre ad esprimere presenze figure e soggetti esprime anche stati d’animo i cosiddetti moti dell’animo cioè oltre a rappresentare i personaggi rappresenta anche le loro perplessità i loro dubbi.

Arte moderna Ranaldi

“Quadri per una Esposizione” di Ezio Ranaldi, Maestro di PitturiAmo

L’artista più importante è stato Leonardo da Vinci nel suo “Trattato della Pittura” scrive che il bravo pittore deve saper rappresentare non solo l’aspetto esteriore dell’uomo ma anche i suoi pensieri, le sue emozioni; un oggetto di Duchamp potrà mai acquistare lo stesso valore di Leonardo da Vinci, ma i tempi sono cambiati.

Si tratta di opere puramente concettuali: abolendo qualsiasi significato o valore alla manualità dell’artista, quest’ultimo non è più colui che sa fare delle cose con le proprie mani, ma è colui che sa proporre nuovi significati alle cose, anche per quelle già esistenti.

L’opera d’arte quindi muove da un sentimento e smuove un sentimento.

Ma allora qual è la funzione principale dell’opera d’arte? Essere veicolo di conoscenza o suscitare emozioni? 

Nell’ Ars Poetica Orazio assegnava alla poesia il compito di insegnare e far conoscere, ma al contempo indicava che il poeta non dovesse solo insegnare ma anche commuovere, tanto che lo stesso poeta doveva mostrare al pubblico le passioni che intendeva trasmettere. Ma è davvero così necessario cercare di separare questi due lati dell’opera d’arte?

C’è una linea sottilissima tra questi due aspetti.

Le nostre conoscenze nella maggior parte dei casi sono sempre connotate emotivamente e gli stessi nostri sentimenti muovono sempre da una base di conoscenza tanto che spesso siamo spinti alla conoscenza grazie ad una passione che ci guida e ugualmente dalle nostre emozioni impariamo qualcosa, sul mondo o su noi stessi.

Autore: Antonio Castellana

Rientra negli obiettivi principali di Antonio Castellana promuovere l’arte nella sua accezione più ampia attraverso i canali non soltanto del giornalismo e della critica d’arte, ma in particolar modo attraverso l’organizzazione di mostre d’arte e di eventi ad hoc per la riqualificazione del territorio e la valorizzazione delle espressioni artistiche moderne e contemporanee. Scopri di più su Antonio Castellana

FacebooktwitterFacebooktwitter

1 Commento

  1. Secondo me , importante è associare all’arte la passione, la creatività e l’originalità , elementi importanti se si vuole comunicare il proprio pensiero in merito all’argomento trattato, in merito a ciò che si vuole rappresentare.
    Per originalità intendo dire essere se stessi come una firma che nessuno può imitare.

    Rispondi

Inserisci un commento a questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.