La passeggiata di Marc Chagall

La passeggiata di Marc Chagall

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Una passeggiata tra amore e fantasia

Marc Chagall è il pittore del Novecento che nella sua unicità e semplicità riesce a rappresentare i due temi che caratterizzano la sua arte, quali l’amore e la poesia, proposti nella loro intrinseca purezza con uno spirito fantascientifico senza eguali.

Nell’opera La passeggiata realizzata tra il 1917 e il 1918, oggi custodita nel Museo Statale Russo di San Pietroburgo, egli rappresenta la poesia di un paesaggio a lui molto caro, quello della sua città natale Vitebsk, nel quale in primo piano sono rappresentati lui stesso e la moglie in un momento magico di piena

Falso d'autore del La passeggiata di Marc Chagall, realizzato dal pittore contemporaneo Pittore Gabriel

Falso d’autore de La passeggiata di Marc Chagall, realizzato dal Pittore Gabriel

euforia e felicità mentre passeggiano durante un picnic.

Il protagonista viene rappresentato in piedi mentre fissa l’osservatore e con una mano trattiene un uccello, mentre con l’altro braccio teso fa librare nell’aria la moglie Bella che sembra spiccare il volo. I loro volti sono sorridenti ed arrossati da una palese euforia data dal rosso vino posto sulla tovaglia rossa in basso a sinistra.

L’utilizzo dei colori vivaci deriva da una chiara influenza dalle opere di Matisse in particolare dall’opera La stanza rossa.

Nel La passeggiata Chagall rappresenta moltissimi dettagli carichi di significato simbolico come il cavallo sulla collina a sinistra che libero si nutre e che rappresenta la passione che cresce, o il protagonista che tiene un uccellino capace di volare nel cielo all’interno della sua mano destra impossessandosi della sua libertà, o ancora le case sullo sfondo che sembrano essere state spostate e riposizionate a casaccio per simboleggiare una perdita di stabilità e sicurezza.

Inoltre quest’ultime sono rappresentate in un verde chiaramente irrealistico ad eccezione di una chiesa sullo sfondo rappresentata in rosa chiaro evanescente proprio per indicare uno spazio oggettivo catapultato in una dimensione irreale e immaginaria. La donna posta in una volo irreale e straordinario, invece mostra per mezzo del sua volto e della sua postura, tranquillità e appagamento dato dalla consapevolezza dell’immenso amore che il suo uomo prova per lei.

Nelle tecniche utilizzate da Chagall per la rappresentazione del paesaggio ritroviamo chiari riferimenti anche alle opere di Cézanne e al Cubismo.

Nel La passeggiata di Marc Chagall traspare una gioia sconfinata, dominata dal carattere fantasioso e straordinario che alimenta ed enfatizza l’amore puro tra l’autore e la sua Bella.

E’ proprio per questa felicità e gioia che l’autore trasmette con le sue tele, che molti pittori contemporanei si dedicano a realizzare Falsi d’autore di Chagall e dell’opera La passeggiata.

Autore: Arch. Fiorella Formica

Sono una giovane Architetto e ho dedicato la mia formazione all'arte e all'architettura dimostrando che è possibile trasformare la propria passione in professione.

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Inserisci un commento a questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.