I videogiochi possono essere considerati una forma d'arte

I videogiochi possono essere considerati una forma d’arte?

FacebooktwitterFacebooktwitter

Secondo Chris Melissinos, i videogames sono l’unico mezzo che consente di personalizzare l’esperienza artistica, in quanto si riveleranno come uno dei mezzi d’arte più importanti che l’umanità abbia mai avuto a disposizione.

La tecnologia ha ampliato la tela su cui gli artisti possono dipingere e raccontare le loro storie. Essendo una forma d’arte che è esistita solo nello spazio digitale, i videogiochi sono davvero una collisione tra arte e scienza. Includono molte forme di espressione artistica tradizionale – scultura sotto forma di modellazione 3D, illustrazione, archi narrativi e musica dinamica – che si combinano per creare qualcosa che trascende qualsiasi tipo.

Perché i videogiochi possono essere considerati una forma d’arte

I videogiochi sono anche l’unica forma di media che consente di personalizzare l’esperienza artistica pur mantenendo l’autorità dell’artista. Nei videogiochi troviamo tre voci distinte: il creatore, il gioco e il giocatore. Coloro che giocano seguono la storia dell’autore e sono vincolati dai costrutti delle regole, ma in base alle scelte che fanno, l’esperienza può essere completamente personale. Se puoi osservare il lavoro di un altro e trovare in esso una connessione personale, allora l’arte è stata raggiunta.

I nostri figli stanno crescendo in un mondo in cui stanno trovando connessioni ugualmente significative su entrambi i lati della linea digitale. I videogiochi sono un’evoluzione naturale di ciò che abbiamo sempre fatto, abbiamo giocato: scoprire il nostro mondo, scoprirci l’un l’altro e scoprire noi stessi. Un criterio valido anche per il settore del gambling con realtà emergenti come ad esempio  casino.netbet.it/ questa realtà emergente nel panorama internazionale odierno.

Negli ultimi 20 anni, i videogiochi hanno iniziato a cambiare scopo e utilizzo. Fino al 1994, i giochi non erano molto più che assassini di tempo e giochi elettronici competitivi. Certo, avevano grafica, musica e dialoghi, ma il pubblico di destinazione erano ragazzi adolescenti con un sacco di soldi o genitori con abbastanza reddito disponibile per acquistare un sistema di gioco. Per questo motivo, molti hanno scartato il mezzo come qualcosa al di là dei giochi digitalizzati – l’argomento è che se non chiamiamo arte gli scacchi o il basket, non dovremmo nemmeno chiamare arte Pong o Madden Football.

Il più autorevole in questo campo è il famoso critico cinematografico Roger Ebert. Ha pubblicamente combattuto contro la percezione che i videogiochi diventino arte dal 2006 alla sua morte nel 2013. In un pezzo sul suo blog intitolato “I videogiochi non possono mai essere arte“, afferma: “Nessuno dentro o fuori dal campo è mai stato capace di citare un gioco degno di confronto con i grandi poeti, registi, romanzieri e poeti.

Videogames e arte postmoderna: qual è il legame tra questi due settori?

Tuttavia, il mezzo dei videogiochi è potenzialmente arte postmoderna e dovrebbe essere visto attraverso la stessa lente critica di qualsiasi altra forma d’arte. Anche se non esiste ancora un gioco che possa essere considerato un’epopea, il mezzo sta cambiando più velocemente di tutte le altre forme d’arte e continuerà a farlo solo con l’avanzare della tecnologia e il cambiamento della percezione culturale – guarda quanto sono cambiati i giochi da allora il loro concepimento 60 anni fa. Non tutti i giochi meritano il titolo di arte o arte alta. Ma, per essere onesti, vendiamo anche dipinti terribili e libri scadenti.

Cosa qualifica un’opera o un mezzo per essere arte?

Sebbene una definizione completa di arte non possa e non possa essere fornita qui, una ricerca su Google suggerirà che l’arte è “l’espressione o l’applicazione dell’abilità creativa e dell’immaginazione umana, tipicamente in una forma visiva come la pittura o la scultura, che produce opere da apprezzati principalmente per la loro bellezza o potere emotivo” e “materie di studio interessate principalmente ai processi e ai prodotti della creatività umana e della vita sociale, come le lingue, la letteratura e la storia (in contrasto con le materie scientifiche o tecniche)”. E anche se non sono nella lista, i truismi dell’arte includono: la frase di Warhol – “L’arte è tutto ciò con cui puoi farla franca“; Citazione di Degas – “L’arte non è ciò che vedi ma ciò che fai vedere agli altri” e un’idea generale che l’obiettivo dell’arte è incarnare un’idea o invitare un’esperienza e/o una reazione.

E voi cosa ne pensate: i videogiochi possono davvero essere considerati come una nuova forma artistica o si tratta più che altro di artigianato realizzato con nuovi sistemi digitali e computerizzati?

 

Autore: PitturiAmo Magazine

Il Magazine di Arte per conoscere e farsi conoscere. PitturiAmo Magazine è parte del Network di PitturiAmo, di cui fanno parte PitturiAmo - il portale dei pittori contemporanei e PitturiAmo Shop - il primo ed unico e-commerce dedicato alla promozione dell'artista.

FacebooktwitterFacebooktwitter

Inserisci un commento a questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.