Autoritratto di Tamara de Lempicka

Autoritratto di Tamara de Lempicka

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Autoritratto: femme fatale ed emancipazione della donna

L’Autoritratto è un’olio su tavola di 35 per 26 centimetri, realizzato tra il 1928 e il 1932 a Parigi da Tamara de Lempicka, e facente parte di una collezione privata.

Commissionato per la copertina di Luglio della rivista tedesca di moda Die Dame, acquista immediata popolarità e diventa subito manifesto di quegli anni.

Se pur la donna rappresentata non mostra con precisione i caratteri dell’autrice, questa ne rappresenta il suo essere come simbolo di incarnazione dell’emancipazione della donna moderna. Nella pittura di Tamara de Lempicka si rispecchiano molti caratteri delle correnti contemporanee ed è proprio per questo che molti pittori contemporanei si dedicano alla realizzazione di falsi d’autore di opere dell’autrice.

Falso d'autore-Autoritratto di Tamara de Lempicka

Falso d’autore-pittore contemporaneo Walter Dallabrida

Nell’Autoritratto, ma nella maggior parte delle sue opere come la Ragazza in Verde, ritroviamo la costruzione geometrica del volume derivante da un’influenza cubista e gli elementi plastici tipici del mondo classico la cui conoscenza è approfondita durante i suoi viaggi in Italia. L’autrice dà particolare importanza all’intensità del colore ed all’utilizzo di linee nette, non rispettando del tutto le proporzioni, ma attribuendo importanza alla monumentalità delle figure caratterizzate da un estremo decorativismo.

Nell’Autoritratto Tamara de Lempicka rappresenta sé stessa come femme fatale e donna affermata, intraprendente, indipendente ma al contempo annoiata e con sguardo altezzoso, mentre guida una Bugatti verde, quella che a quel tempo era l’auto di tendenza per eccellenza. Indossa un caschetto da motociclista, una sciarpa e dei guanti che presentano la stessa chiara tonalità cromatica, mentre in contrasto spiccano i grandi occhi e le grandi labbra rosse e carnose.

E’ proprio la continua ricerca dell’impatto decorativo ed ornamentale che le consente di affermarsi come artista della borghesia e dell’aristocrazia europea interessate a mostrare con i propri ritratti il lusso, l’eccentricità e la passionalità che solo Tamara de Lempicka ha saputo attribuire a tutti i soggetti che hanno caratterizzato le sue opere.

Malgrado sia remota la possibilità di avere tra la mia collezione pittorica un capolavoro autentico di Tamara de Lempicka, sarei felice di acquistare un falso d’autore della Ragazza in verde ben fatto da pittori contemporanei ad esempio dell’Autoritratto o della sua .

Autore: Arch. Fiorella Formica

Sono una giovane Architetto e ho dedicato la mia formazione all'arte e all'architettura dimostrando che è possibile trasformare la propria passione in professione.

Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus

Inserisci un commento a questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.